10 consigli per un e-commerce che vende

1 giugno 2019

Che tu sia un artigiano o un proprietario di una piccola attività in centro di una piccola cittadina avrai sicuramente sentito parlare, nel 2017, di come un negozio online potrebbe essere una buona fonte di guadagno. Molti tuoi colleghi, infatti, infatuati da questa idea, hanno aperto il proprio shop online e, come puoi immaginare, c’è chi è riuscito a ritagliarsi un proprio spazio e c’è chi, invece, ha trovato non poche difficoltà perché ha sottovalutato l’impegno. Non allarmarti, non stiamo di certo parlando di scalare il monte Everest a mani nude: sto solo dicendo che con una discreta progettualità si possono ottenere buoni risultati. Ecco, dunque, 10 consigli per ottenere un e-commerce che vende.


Strategia

1. Punta su una nicchia

Delineare una nicchia di mercato può essere molto vantaggioso, soprattutto all’inizio: si tratta di individuare un insieme di prodotti che interessano, in particolare, ad un gruppo di ridotte dimensioni e ben delineato di clienti piuttosto che ad un pubblico più vasto. La scelta di puntare su una minoranza può sollevare dubbi leciti, ma ti assicuro che se definisci bene qual è il tuo mercato di riferimento otterrai buoni ricavi.

Facciamo un esempio: un prestigiatore amatoriale decide di aprire un e-commerce di carte da gioco e altri accessori di magia.

Innanzitutto ha buone possibilità di diventare un esperto e un punto di riferimento del settore. Se sa giocare bene le sue carte ha l’opportunità di diventare un leader nel suo ambito: i clienti che visiteranno il suo web shop si renderanno conto di essere difronte a qualcuno di competente e cominceranno ad avere fiducia; questo li spingerà a tornarci e, magari, a suggerirlo ad altri amici.

Inoltre riesce a tenere bassi i costi e a mantenere discretamente alti i prezzi. Non si deve preoccupare di rifornire il proprio magazzino per accontentare una grande quantità di clienti, ma deve accontentare soltanto la sua clientela. Dunque, non dovrà acquistare grandi stock di materiale e non sarà costretto ad abbassare troppo i prezzi per fare concorrenza contro avversari ben più grandi di lui.

Infine, un altro aspetto molto importante riguarda il risparmio in termini economici sulla pubblicità. Immaginiamo voglia fare campagne online, per esempio, utilizzando Facebook: il target sarà solo formato da quelle persone che mostrano interesse per questo settore e quindi dovrà pagare per farla vedere esclusivamente a loro, aumentando, in tal modo, le probabilità di vendita pur tenendo contenuti i costi.

Vendite


Assodato che l’individuazione di una precisa fetta di mercato sia il primo passo per la riuscita del vostro e-commerce, [vediamo come ottimizzare le vendite]({{site.baseurl}}{% post_url 2017-09-20-7-regole-per-descrivere-al-meglio-i-vostri-prodotti %}).

2. Scrivi buone descrizioni

Le descrizioni devono essere precise e sintetiche: non serve essere prolissi, hai poco tempo per convincere l’acquirente. Chi compra online vuole vedere subito cosa sta comprando e vuole essere sicuro che è ciò che sta cercando senza ritrovarsi sorprese inaspettate; per questo motivo le presentazioni dei prodotti dovranno essere anche sincere. Per quanto riguarda la tecnica di convincimento puoi adottare due strategie di base, diverse ma efficaci entrambe: c’è chi predilige scrivere i vantaggi che si otterrebbero acquistando il prodotto e chi, invece, preferisce elencare gli svantaggi del non averlo.

Prova Vidra e vedrai la differenza.

Registrati subito o contattaci