🇮🇹(COVID19) Vidra aderisce all'iniziativa Solidarietà Digitale del Ministero dell'Innovazione - Abbonamento gratuito per 3 mesi

Spedire alimenti? È facile, se sai come farlo. Scopri le nostre best practice

Mattia Papa5 marzo 2020

Il patrimonio enogastronomico italiano è amato e apprezzato in tutto il mondo. Dalla pasta ai prodotti dolciari, dai salumi al vino all’olio: i prodotti della Penisola trainano e spingono la crescita dell’export italiano. 

In generale, che si tratti di spedire un pacco alimentare a un familiare lontano, o della spedizione di merce da un commerciante a un cliente, non di rado questi prodotti viaggiano in lungo e in largo attraverso l’Italia, l’Europa e il resto del mondo.

Nonostante sia pratica comune, spedire alimenti (specialmente se freschi) comporta una serie di accortezze, che rispondono a una serie di domande:

  1. Come imballare un pacco alimentare correttamente?
  2. Qual è il miglior corriere per spedire alimenti?
  3. Esistono normative precise da seguire?

In questo articolo ti diamo qualche dritta, derivante dalla nostra esperienza, per rendere questo processo più semplice possibile e, soprattutto, privo di intoppi.

1. Come imballare un pacco alimentare

Capire come imballare alimenti correttamente è fondamentale per preservarne la qualità e garantirne eventualmente la freschezza, per evitare che urti o brusche frenate danneggino gli stessi alimenti o altri pacchi, qualora presenti.

Come regola generale, è utile procurarsi una scatola capiente abbastanza da contenere gli alimenti (ma non eccessivamente grande) e del materiale come polistirolo o fogli di giornale, per limitare gli effetti degli urti.

Adesso vediamo nello specifico quali linee guida seguire a seconda del tipo di alimento che intendiamo spedire.

Spedire cibo

Come imballare un pacco alimentare contenente cibo? Prima di tutto, è necessario distinguere tra ciò che comporta spedire cibo fresco e spedire cibo non deperibile.

Alimenti freschi

Data la deperibilità di questi alimenti, è importante prestare particolare attenzione nella fase di imballaggio precedente la spedizione.
L’ideale sarebbe utilizzare contenitori termici in polistirolo o in EEP per garantire il termoisolamento degli alimenti. Questi contenitori sono atossici e inodore, perfetti quindi per spedire alimenti freschi.

I vari prodotti alimentari devono essere inseriti in apposite confezioni, possibilmente sottovuoto - nello specifico caso di carne, salumi o latticini; in alternativa, possono essere utilizzate buste di plastica sigillate. Le confezioni, avvolte in fogli di giornale o carta da pacchi, devono essere alloggiate con cura nel contenitore scelto per la spedizione, avendo premura di riempire gli spazi vuoti con materiali adatti ad attutire gli eventuali urti (come accennavamo prima, fogli di giornale, o meglio ancora chips di polistirolo) e limitare il movimento della merce durante il trasporto.

Il contenitore deve essere chiuso con l’apposito coperchio e successivamente posto in un cartone per la spedizione. Questo deve essere sigillato con del nastro adesivo. Consigliamo inoltre di scrivere su tutti i lati del cartone la dicitura FRESCO.

Alimenti non deperibili

Tra gli alimenti non deperibili sono inclusi tutti quegli alimenti a media-lunga scadenza che, grazie alla scarsa quantità di acqua che contengono, non necessitano di particolari condizioni termiche per essere conservati o trasportati.

Appartengono a questa categoria la maggior parte degli alimenti essiccati o tostati, liofilizzati, le conserve nel proprio liquido di governo (il liquido che ne permette la conservazione). 

Per imballare questi alimenti sarà sufficiente una scatola in cartone, possibilmente ondulato: è opportuno utilizzare i sopracitati materiali per attutire gli urti e riempire gli spazi vuoti. È consigliabile avvolgere gli alimenti in carta da pacchi, o fogli di giornale.

Le confezioni particolarmente fragili, come ad esempio i contenitori in vetro, dovrebbero essere avvolti da fogli in doppio strato di pluriball. Inoltre, i contenitori soggetti a rottura, con conseguente perdita di liquidi, dovrebbero essere isolati dagli altri alimenti, tramite l’utilizzo di appositi sacchetti di plastica.

Spedire liquidi

Abbiamo visto quali accorgimenti adottare quando dobbiamo spedire alimenti solidi. Quali linee guida dovremmo seguire se invece volessimo spedire un pacco alimentare contenente liquidi? Vediamo nello specifico il caso di due prodotti particolarmente famosi del patrimonio gastronomico italiano.

Olio

Quali precauzioni adottare nel caso in cui dobbiamo spedire dell’olio? Occorre innanzitutto travasare l’olio in latte di alluminio a tenuta stagna: queste sono più sicure dei contenitori in vetro, non alterano le proprietà organolettiche dell’olio e lo proteggono dalla luce.
Per praticità, consigliamo di utilizzare latte di alluminio da 5 litri. 

Per quanto riguarda il pacco, è necessario procurarsi una scatola in cartone, possibilmente ondulato, e apporre su ogni lato dei fogli in polistirolo - per attutire gli urti.

Per evitare di confezionare pacchi troppo pesanti da sollevare e spostare, bisognerebbe limitarsi a inserire un massimo di 6 latte, separate l’una dall’altra da fogli in polistirolo. Bisogna ricordare che la latta è infatti un materiale molto resistente, ma facilmente soggetto ad ammaccature.

Una volta inserite le latte, queste devono essere coperte con un ulteriore foglio in polistirolo. Il pacco deve essere quindi sigillato con nastro adesivo; è consigliabile apporre su tutti i lati la dicitura FRAGILE.

Vino

Come imballare bottiglie di vino e di olio

Anche nel caso del vino occorre adottare determinati accorgimenti per assicurarsi che le bottiglie non vengano danneggiate nel trasporto.

Qual è il metodo più sicuro per spedire bottiglie in vetro?

Sicuramente utilizzare materiali e contenitori creati ad hoc, come ad esempio le pratiche cantinette in polistirolo, che vengono vendute in vari formati (da tre, da sei, ma anche da due bottiglie) e per le varie tipologie di bottiglie (una collio avrà bisogno di un alloggiamento più ampio rispetto a una bordolese); una valida alternativa al polistirolo è costituita dagli imballaggi in cartone, che assicurano la stessa protezione del polistirolo.

L’unico lato negativo è costituito dal fatto che sono più laboriose da assemblare rispetto a una cantinetta, che viene acquistata già pronta per l’utilizzo.

Una volta assemblato l’imballaggio in cartone, o sigillato la cantinetta in polistirolo, occorre inserirli in una scatola di cartone; è importante ricordare sempre di riempire gli eventuali spazi vuoti con materiale in grado di ridurre al minimo il movimento all’interno del cartone.

Una volta chiuso il cartone, consigliamo di apporre la dicitura FRAGILE su tutti i lati.

Come scegliere il corriere per spedizioni alimentari

Dopo aver imballato correttamente il nostro pacco, è importante ricordare che questo è a tutti gli effetti “ambasciatore” dell’azienda nel mondo: l’estetica di un pacco racconta molto della cura e dell’attenzione che vengono rivolte ai clienti. Sei d’accordo? Abbiamo scritto un articolo sulla presentazione dei pacchi  che potrebbe fare al caso tuo. 

Adesso che il pacco è pronto, è necessario scegliere a chi affidare la spedizione.

Come scegliere il corriere per spedizioni alimentari

Posto che non esiste un servizio oggettivamente perfetto per tutti in ogni situazione, e che non è mai possibile generalizzare, cosa conviene fare? È opportuno porsi delle domande per capire quale corriere espresso per alimenti faccia al caso delle specifiche esigenze aziendali.

L’oggetto della spedizione

Bisogna spedire alimenti freschi o non deperibili?
Alimenti solidi o liquidi?
Queste sono sicuramente le prime domande da porsi.
A seconda dell’oggetto della spedizione, la scelta potrebbe essere obbligata, o comunque molto limitata. 

Corriere per alimenti freschi

La movimentazione di questi alimenti è regolamentata da un documento principale, denominato A.T.P. (Accord Transport Perissable, sigla abbreviata di “Accordi sui trasporti internazionali delle derrate deteriorabili e dei mezzi speciali da utilizzare per questi trasporti”).

Il trasporto di alimenti freschi, e quindi deperibili, deve avvenire tramite veicoli isotermici dotati di dispositivo di produzione del freddo. Questi veicoli sono in grado di mantenere una temperatura costante e stabile  all’interno dell’abitacolo.

come scegliere il corriere per spedire alimenti freschi

Esistono tre tipi di veicoli isotermici:

  • Veicoli isotermici di classe A, dotati di un sistema di raffreddamento con range di temperatura che varia tra gli 0°C e i +12°C
  • Veicoli isotermici di classe B, che invece riescono a mantenere una temperatura compresa tra i +12°C e -10°C
  • Veicoli isotermici di classe C, che possono raggiungere una temperatura minima di -20°C e una massima di +12°C 

Dunque non è possibile affidarsi a regolari corrieri per spedire alimenti freschi; è necessario rivolgersi a ditte di trasporti specializzate, dotate dei suddetti veicoli isotermici. 

Corriere per alimenti non deperibili e liquidi

Nel caso in cui si presenti la necessità di spedire alimenti non deperibili o liquidi, la possibilità di scelta sarà ampia: quasi tutti i corrieri e le aziende di trasporto ormai effettuano questo tipo di spedizione.

Anche in questo caso esistono delle regole specifiche da seguire, come ad esempio quelle igienico-sanitarie illustrate nell’art. II, cap. IV, del Reg. CE 852/2004. Nello scegliere il corriere più adatto alle esigenze aziendali, entreranno in gioco altre logiche e altri interrogativi.

Il prezzo

Qual è il budget aziendale? Quali sono le esigenze? Ovviamente più un servizio sarà accessoriato, più il prezzo aumenterà.

Una spedizione standard costerà sempre meno di una spedizione express con consegna garantita a un orario a scelta, quindi è importante capire quanto è urgente questa spedizione

Più in generale, se la mole di spedizioni effettuata mensilmente è considerevole, probabilmente converrebbe prendere in considerazione l’idea di sottoscrivere un abbonamento con un corriere: in base ai flussi di spedizioni e in base alle destinazioni, potrebbe rivelarsi vantaggioso sfruttare le tariffe agevolate di un abbonamento, o comunque confrontarsi con un commerciale per ottenere un listino prezzi personalizzato e capire quale sia la scelta più conveniente. 

La destinazione

Scegliere il corriere in base alla località di destinazione

In che località si ha la necessità di spedire alimenti?

È importante ricordare che non tutti i corrieri effettuano consegne in tutti i Paesi del mondo: prima di sottoscrivere un abbonamento, è opportuno analizzare lo storico delle spedizioni aziendali e cercare di capire quali sono le località dove i pacchi vengono spediti più di frequente.

Potrebbe rivelarsi vantaggioso sottoscrivere un abbonamento con un corriere - coprendo una determinata area geografica - e sottoscriverne un altro con un altro corriere - per altre destinazioni. 

Tempi di consegna

Quest’ultimo punto è collegato sia alla questione prezzo che alla questione destinazione: tutti i corrieri offrono il servizio express, alcuni con consegna in 24 ore. Tutto ha un prezzo, e una fattibilità - rispetto alle distanze da percorrere e alla rapidità di cui si ha bisogno. Anche in questo caso è opportuno confrontarsi con un commerciale o controllare sui siti dei corrieri per capire che tipo di servizio possano offrire.

Abbiamo fatto una panoramica dei migliori tipi di imballaggio a seconda della spedizione da effettuare e un breve elenco delle questioni da considerare nella scelta di un corriere, quando si presenti la necessità di spedire alimenti.

È un procedimento privo di particolari difficoltà, ma che sicuramente richiede tempo e risorse dedicate: se esistesse un modo per snellire questo laborioso processo e semplificare il tuo lavoro, vorresti saperne di più? 

Abbiamo scritto un articolo sul blog in cui spieghiamo in che modo i servizi offerti da Vidra costituiscono una soluzione semplice e rapida, anche per i tempi di consegna, per le tue spedizioni - sia su territorio nazionale che internazionale: dai un’occhiata, magari facciamo proprio al caso tuo.

Vidra: semplice, pratico, veloce.

Per rimanere aggiornato sulle strategie e le ultime tendenze dell'e-commerce iscriviti ora alla nostra newsletter!

Prova Vidra e vedrai la differenza.

Registrati subito o contattaci